Mercoledì 23 giugno, ore 21.30
Morimmo tutti d’abbondanza
L’omaggio a Paolo Conte del cantautore Fabio Caucino

Mercoledì 23 giugno il cantautore torinese Fabio Caucino presenta in anteprima in Osteria Rabezzana il suo quinto album Morimmo tutti d’abbondanza, un omaggio a Paolo Conte. Scritto, arrangiato e prodotto dal cantautore con fisarmonica e violoncello, in larga parte registrati in presa diretta e orchestrati in modo da valorizzarne le timbriche, le sfumature, il suono e i testi.

Formazione
Fabio Caucino – voce, chitarra, piccole percussioni
Luca Zanetti – fisarmoniche

MORIMMO TUTTI D’ABBONDANZA
Morimmo tutti d’abbondanza prelude ad una fine, induce ad un nuovo inizio. Il cantautore compone in tempi non sospetti ciò che si è materializzato nell’ultimo anno con disarmante lucidità ed una essenziale semplicità. L’autore sceglie in ogni piega del suo nuovo lavoro di togliere piuttosto che aggiungere, di veicolare i suoni e le melodie invece di costringerle. Scritto, arrangiato e prodotto attraverso questo spirito, Caucino si avvale dell’ausilio di due soli strumenti, violoncello e fisarmonica, in larga parte registrati in presa diretta, che orchestra sapientemente in modo da valorizzarne le timbriche, le sfumature, il suono, fino a rendere musica il silenzio, i respiri e alcuni rumori naturali come la pioggia.
Accompagnato dalla camaleontica e sorprendente sonorità delle fisarmoniche di Luca Zanetti (tra cui il nuovo modello LZ64, “in quinta”, brevettata dallo stesso Zanetti per il mercato internazionale) e dal violoncello gentile di Paola Torsi si avvale della produzione discografica della Zanetti Records, ormai collaudato marchio di fabbrica da alcuni anni. Dieci brani di cui due musicali compongono un lavoro intimo, essenziale, necessario. Nell’esplorare momenti, luoghi, sentimenti, visioni, comportamenti si entra in un mondo particolare per la canzone d’autore, in cui suono e melodia corrono su un filo sottile, toccando le corde della musica contemporanea. Un istinto, quello dell’artista, di cogliere anche in modo spietato prima di altri le sfumature di una società pesantemente complessa, spogliandosi del troppo, del superfluo, in modo autentico, schietto, vero.

Ora di inizio concerto: 21,30
Ingresso:
15 euro (con calice di vino e dolce) – 10 euro (prezzo riservato a chi cena)
Possibilità di cenare prima del concerto con il menù alla carta

Archivi

Categorie

Pin It on Pinterest