I tre tenori

I tre tenori

Mercoledì 25 settembre, ore 20

I TRE TENORI

Canzoni, arie e romanze celebri eseguite dalle voci tenorili dell’Opera di Torino

 

Dopo i tre soprani, i tre baritoni e i tre mezzosoprani, la rassegna dei “Trii” in Osteria Rabezzana si chiude con la formazione più conosciuta al mondo: i tre tenori. 
Canzoni, arie e romanze celebri saranno cantate in trio, in duo ed in modo solistico dalle voci tenorili dell’Opera di Torino: Andrea Antognetti, Alejandro Escobar, Giampiero Boi.

 

Menù

Carne cruda con rucola, pomodorini e scaglie di Reggiano
Risotto radicchio e Castelmagno
Cremino al caramello

Acqua, vino in abbinamento ai piatti, caffè

Cena e concerto: 38 euro

Archivi

Categorie

Tierra Madre

Tierra Madre

Mercoledì 18 settembre, ore 20

TIERRA MADRE

Un viaggio nella geografia musicale argentina e sudamericana con Miguel Angel Acosta, il violino di Lautaro Acosta e i flauti andini di Massimo Rosada

  

La voce profonda e sensibile di Miguel Angel Acosta racconta l’Argentina di ieri e di oggi con omaggi a Violeta Parra, Victor Jara, Alfredo Zitarrosa, Mercedes Sosa, accompagnati dai piatti e dai vini tipici del paese sudamericano. Il Trio Acosta-Rosada-Acosta è formato da Miguel Angel Acosta, dal figlio Lautaro Acosta, virtuoso violinista, e da Massimo Rosada, fondatore del gruppo Umami-Raiz Latina, dedito alla diffusione della musica andina e afrolatinoamericana.  

 

MIGUEL ANGEL ACOSTA

Nato nel 1954 a Los Pozos (Argentina) nella provincia di Cordoba, inizia sin da bambino, incoraggiato dal padre Don Eustacio, a suonare la chitarra. Nel ‘72 si trasferisce a Cordoba, dove inizia gli studi e allo stesso tempo si propone come solista folk nei locali di città e provincia. Nell’80 integra il gruppo Cantares Cuatro, finalista del festival Pre Cosquin. A partire dal 1984, parallelamente alla sua attività di solista, inizia la collaborazione con il famoso gruppo Quetral, realizzando diverse tournèe in tutto il Paese e partecipando a diverse trasmissioni televisive. Si trasferisce a Torino nel 1987 e fonda il gruppo Umami-Raiz Latina, dedito alla diffusione della musica andina e afrolatinoamericana. È notevole l’attività concertistica di Miguel con gli Umami che in 25 anni tengono concerti in tutta Italia e all’estero, con 9 incisioni all’attivo e con cui ha realizzato la Misa Criolla di Ariel Ramirez e Feliz Luna insieme al coro dell’Università di Torino, diretto dal Maestro Sergio Pasteris. Miguel ha all’attivo molte collaborazioni anche con importanti musicisti italiani, e diversi lavori discografici. Fonda il gruppo di tango argentino Nuevo Encuentro con Carlos Buschini, David Pecetto e suo figlio Lautaro.

MASSIMO ROSADA

Fondatore del gruppo Umami-Raiz Latina, è uno studioso della musica latino-americano e suona tutti gli strumenti delle diverse regioni di quel continente. Ha studiato anche musico-terapia e realizzato diversi lavori discografici per le etichette “Electromantic” e “Armadillo Record”.

LAUTARO ACOSTA

Nato a Torino nel 1987, è stato allievo del Maestro Edoardo Oddone al Conservatorio ‘G. Verdi’ di Torino, dove nel 2008 si è diplomato in violino con lode e menzione d’onore. Ha collezionato un’impressionante quantità di premi e riconoscimenti in concorsi nazionali e internazionali e ha vinto l’audizione per entrare nella prima orchestra stabile di Tango Argentino in Italia, dipendente dall’Associazione Union Civica, in collaborazione con il Teatro Regio di Torino. Si esibisce in Giappone (Tokio) con gli Arti & Mestieri. Ha frequentato corsi e seminari di eminenti violinisti: Uto Ughi, Giuliano Carmignola, Massimo Quarta, Franco Mezzana, Massimo Marin, Serguei Galaktionov. Nel 2010 frequenta l’Accademia Nazionale Santa Cecilia sotto la guida del M° Sonig Tchakerian e partecipa come primo violino con l’Orchestra Sinfonica della Provincia di Bari, sotto la direzione del Maestro Vito Clemente. Oltre ai concerti tenuti in Italia, ha suonato all’Innsbrucker Festwoche der Alte Musik di Innsbruck (Austria), al Buenos Aires Madrigal e all’Euro Music Festival di Wuppertal in Germania. 

MENÙ

Empanadas al forno
Entrecôte di angus argentino con salsa cimicurro
Flan con dulce de leche 

Vini argentini in abbinamento

 

Cena con concerto: 40 euro

Dopo le 21.30 si potrà partecipare al concerto con una degustazione al prezzo di 15 euro (un calice di vino accompagnato da stuzzichini o dolce) fino ad esaurimento dei posti a sedere nella sala del concerto.

Archivi

Categorie

Do di Plettro

Do di Plettro

Mercoledì 11 settembre, ore 20

DO DI PLETTRO

Musica folk e rock con la cover band di Vercelli fondata da Giorgio Lobascio e Roberto Varagnolo  

 

Dal folk al rock, con rielaborazioni dei classici degli anni ’60-’70 italiani e stranieri. Fondati nel 2014 da Giorgio Lobascio e Roberto Varagnolo, i Do Di Plettro sono una cover band di Vercelli che unisce musicisti con solide esperienze alle spalle di band e concerti live.

Nel loro repertorio figurano brani di Fabrizio De Andrè, Edoardo Bennato, Francesco De Gregori, Lucio Dalla, Ron, Ivan Graziani, Pino Daniele, Eugenio Finardi, Bob Dylan, Pink Floyd, Eric Clapton, Beatles.   

La formazione attuale è composta da: Roberto Varagnolo (chitarra acustica e voce), Giorgio Lobascio (chitarra e voce), Danilo Poggio (chitarra), Hans Davalos (batteria), Paolo Botta (basso).    

 

Menù libero à la carte tra una selezione di proposte

 

Cena con concerto: 35 euro

  
Dopo le 21.30 si potrà partecipare al concerto con una degustazione al prezzo di 15 euro (un calice di vino accompagnato da stuzzichini o dolce) fino ad esaurimento dei posti a sedere nella sala del concerto.

Archivi

Categorie

Settembre in Osteria

Settembre in Osteria

Settembre in Osteria

 

 

GLI APPUNTAMENTI DI RABMATAZ

 

Mercoledì 11 – Do di Plettro
Musica folk e rock con la cover band di Vercelli fondata da Giorgio Lobascio e Roberto Varagnolo

 

Mercoledì 18 – Tierra Madre
Un viaggio nella geografia musicale argentina e sudamericana con la voce profonda e sensibile di Miguel Angel Acosta, il violino del virtuoso Lautaro Acosta e i flauti andini suonati da Massimo Rosada

  

Mercoledì 25 – I tre tenori
Canzoni, arie e romanze celebri eseguite dalle voci tenorili dell’Opera di Torino

Archivi

Categorie

Fabrizio De Andrè Remember 2.0 bis

Fabrizio De Andrè Remember 2.0 bis

Mercoledì 17 luglio, ore 20

Fabrizio De Andrè Remember 2.0 Bis
Musica, poesia e recitazione per ricordare Faber

 

 “Fabrizio De Andrè Remember 2.0” non è solo un concerto, ma una fusione di melodia, poesia, canzone, recitazione e installazioni video-fotografiche per ricordare, nel ventennale della morte, un grande artista e per scoprire il filosofo, il poeta e soprattutto l’uomo. 
Lo spettacolo nasce dalla ripresa del progetto “Fabrizio De Andrè Remember” elaborato nel 2013 dal regista Francesco Procacci, scomparso prematuramente ma la cui memoria ha ispirato il direttore artistico Marco Raiteri che ha saputo riunire vecchi amici e nuove leve per celebrare l’amore per la canzone autoriale di Fabrizio De Andrè. 
«In un periodo storico dominato dalle divisioni e dalla crisi imperante dei valori – racconta Marco Raiteri – Faber offre una lezione di vita sul bello del mondo, in un viaggio introspettivo che, ponendo spesso in primo piano la sua amata Liguria con testi quali D’ä mě riva o a Creuza de Mä, mette in evidenza la sete di libertà, idealizzata, pura e immanente all’umanità. Tale ideale costituisce il filo conduttore dello spettacolo, sia con riferimenti a una prigionia reale e autobiografica, come in Hotel Supramonte, sia in relazione al concetto di limite, ben evidente in Le nuvole, entità tali da impedire allo sguardo umano di vedere oltre. I brani accompagnano, dunque, in una riflessione sull’uomo libero tanto politicamente e socialmente, se si considerano, per esempio, Fiume Sand Creek o S’I ‘ Fosse Foco, figlio della contestazione sessantottina, quanto intimamente, nell’ottica dell’amore, mai avulso però dalla dimensione sociale, come in Franziska o Andrea, Tema di Rimini. Proprio nell’ermetismo di alcune canzoni, nate dalla collaborazione con Massimo Bubola, si scorge l’arte senza tempo di Fabrizio De Andrè, che possiamo immaginare assorto in riva al mare, mentre viaggia dentro se stesso, come nella poesia La notte nell’Isola di Pablo Neruda». 

L’iniziativa ha ottenuto il patrocinio morale da parte della Fondazione Fabrizio De Andrè di Milano, presieduta da Dori Ghezzi. 
La direzione artistica è di Marco Raiteri. L’organico comprende numerosi strumenti, voci e professionalità per ricreare le atmosfere dei concerti live del cantautore genovese. 
Nel corso dello spettacolo verrà presentato il libro “Attraversami”, la prima raccolta poetica di Cinzia Morone che reciterà alcune sue poesie a tema, sulle note di Faber, con la partecipazione straordinaria dell”attore Mario Brusa come voce recitante.

Formazione
Marco Raiteri, voce e chitarra solista
Cinzia Morone, voce recitante
Mario Brusa, voce recitante
Umberto Gaudino, pianoforte e tastiere
Marcello Massari, chitarra di spalla, armonica
Sabrina Pernice, violino
Mathilda Chirico, violino
Simone Bindini, clarinetto e oboe
Umberto Migliardi, contrabbasso e basso elettrico
Riccardo Mollo, batteria e percussioni
Davide Vigna e Piero Vigna, installazioni fotografiche
Elena La Rocca, consulenza letteraria
Antonello Forni, filmaker e media manager
Fabrizio Argiolas, sound engineer
Francesco Baldin, show manager

 

Menù
Baccalà mantecato con olive taggiasche in crosta di pane carasau
Risotto con brasato di agnello e rosmarino
Pesche ripiene

Vino in abbinamento, acqua, caffè

 

Cena con concerto: 35 euro  

Dopo le 21.30 si potrà partecipare al concerto con una degustazione al prezzo di 15 euro (un calice di vino accompagnato da stuzzichini o dolce) fino ad esaurimento dei posti a sedere nella sala del concerto.

Archivi

Categorie

Live Concert Unplugged

Live Concert Unplugged

Mercoledì 10 luglio, ore 20

LIVE CONCERT UNPLUGGED

Dal blues al rock con Gaetano Pellino, Soul Sarah, Roby Bonfiglio, Ricky Pellegrini

 

Gaetano Pellino con le sue chitarre, la voce blues e le infinite sfumature, incontra la magica voce di Soul Sarah, dalle innumerevoli sfaccettature blues e soul. Con più di trent’anni di carriera alle spalle, Gaetano Pellino è uno dei chitarristi più interessanti della scena rock-blues, nonché produttore di successo. Soul Sarah, aka Sarah Picco, in qualità di corista e cantante vanta circa un ventennio di collaborazioni live e in studio con molti artisti in ambito soul, blues, funky, house, hip-hop, ecc… durante la sua carriera ha condiviso i palchi con Noel Bridgeman, Sofie Reed, John Magnie, Steven Amedee, tra gli altri.

Dal blues al rock. Le chitarre di Roby Bonfiglio, voce solista e chitarrista della Strana Società (lo storico gruppo che lanciò il brano strumentale PopCorn) incontrano la voce di Ricky Pellegrini per raccontare 40 anni di musica attraverso suoni, effetti e canzoni in chiave unplugged. Dal cantautorato di Dalla, Fossati e Bennato a quello americano di Jason Mraz, dall’esplosione rock beat dei Beatles all’evoluzione sonora di David Bowie, passando per il sound dei Commodores, Eagles e Simon & Garfunkel, gli anni ’80 degli Spandau Ballet, fino agli Stereophonics e U2.

 

Menù
Tartare di tonno Alalunga
Rigatoncino aglio, olio, peperoncino, calamaro e bottarga
Cremino alla mandorla

Cena con concerto: 35 euro  

Dopo le 21.30 si potrà partecipare al concerto con una degustazione al prezzo di 15 euro (un calice di vino accompagnato da stuzzichini o dolce) fino ad esaurimento dei posti a sedere nella sala del concerto.

 

Archivi

Categorie

Pin It on Pinterest