Moni’s Mood

Moni’s Mood

Moni’s Mood
Le grandi voci femminili del jazz con il Diego Borotti  Trio e Monica Fabbrini

Da Ella Fitzgerald ad Aretha Franklin, da Etta James a Sarah Vaughan: “Moni’s Mood” è un omaggio alle grandi voci femminili del soul, del blues e del jazz. La voce di Monica Fabbrini sarà accompagnata dalle note di Diego Borotti ai saxofoni, Alberto Gurrisi all’hammond e Laura Klain alla batteria, oltre ai piatti dello chef Piero Pulli e alle proiezioni video delle grandi interpreti della voce jazz.

Formazione
Monica Fabbrini, voce
Diego Borotti, saxofoni
Alberto Gurrisi, organo hammond
Laura Klain, batteria

Menù
Aperitivo di benvenuto con buffet di stuzzichini
Spezzato di capriolo in polenta morbida
Pudding alla frutta secca in salsa vaniglia

Vini in abbinamento selezionati dal sommelier, acqua e caffè

Costo: 30 euro

Dopo le 22 si potrà partecipare al concerto con una degustazione al prezzo di 12 euro (un calice di vino accompagnato da stuzzichini o dolce). In questo caso non è assicurata la possibilità di sedersi a un tavolo nella sala del concerto.

Menù

Insalata di verza rossa e arancia con acciughe alla piastra al balsamico

Spaghetti saltati alla salsa verde con cavolfiori e merluzzo

Filetto di branzino al croccante in ristretto di passito

Torta langarola in salsa ai frutti di bosco

Costo: 29 euro (bevande escluse)

Archivi

Categorie

Rabmataz 2018

Rabmataz 2018

Rabmataz

 

Partiamo dal titolo: Paolo Conte per me è stato sempre uno dei cantautori italiani preferiti e mi ha accompagnato con le sue bellissime canzoni da quando ero adolescente (con Azzurro) ad ora. Inoltre Paolo Conte vive e lavora vicino alla ns cascina nel Monferrato ed è affezionatissimo come me a questi bellissimi posti, per cui il titolo di questa rassegna vuole essere un omaggio a lui e alle sue canzoni.

L’idea: sono sempre stato appassionato di cultura, arte, musica e quando nel 2012 ho rilevato l’enoteca di famiglia ho pensato che questo posto poteva diventare anche un locale dove portare diversi artisti per abbinare al meglio la cultura, il vino e il cibo di qualità. Inoltre il seminterrato dell’enoteca è stata una balera di un Hotel costruito durante l’Esposizione Mondiale del 1911  e si presta molto bene ad ospitare spettacoli culturali di differente tipologie.

Sono stato da sempre appassionato di musica e in particolare di jazz e ho suonato anche (in modo molto “amatoriale”) il sax tenore, ho ancora il mio bellissimo sax  “Selmer” che ho comparto anni fa da un artista torinese (foto del sax??) e girando il mondo ho avuto la fortuna di sentire dal vivo alcuni dei migliori jazzisti a livello mondiale (Chet Baker, Grappelli, etc.).

In questi ultimi anni   ho ospitato nei locali dell’enoteca bravissimi artisti come musicisti, ballerini, cantanti di lirica, cabarettisti, etc e come esempi possiamo citare la scuola di ballo di Susanna Egri, il gruppo Accordi e disaccordi, Marco Balestracci o autori di libri che sono venuti  a presentare le loro ultime opere durante l’ultima edizione del “Salone Off” del Salone del libo.

Questi spettacoli hanno avuto tutti un grande successo e allora mi è venuto in mente di fare un “salto di qualità” creando una rassegna annuale con un sera fissa alla settimana (il mercoledì sera) dove si sa che all’Osteria Rabezzana ci sarà sempre un evento culturale. L’idea è che questo diventi un posto di ritrovo per amici, conoscenti, colleghi, clienti dell’enoteca e del ristorante  che sanno che qui al mercoledì sera si possono ritrovare per cenare insieme e assistere a uno spettacolo culturale di qualità. Inoltre questa rassegna seguirà anche dei percorsi  e dei filoni di spettacoli nei vari periodi dell’anno in modo da creare nel tempo dei veri e propri progetti culturali.

Per far questo ho anche costituito un comitato “culturale” che mi aiuti nella scelta degli artisti da inserire nella rassegna, comitato costituito da amici e colleghi esperti per i vari settori artistici e che mi hanno sempre aiutato e supportato nelle attività culturali di questi anni.

Lo spirito di questa iniziativa è anche quello di continuare la tradizione storica dei locali creati “nei sotterranei” di Torino come il famoso Swing Club di Via Botero dove sono passati musicisti di tutto il mondo e sono cresciuti intere generazioni di nuovi artisti poi divenuti famosi a livello nazionale e internazionale.

Archivi

Categorie

L’Opera in Osteria con le voci della lirica

L’Opera in Osteria con le voci della lirica

“Comicità e bizzarrie”: uno dei grandi temi della lirica esce dal teatro ed entra in Osteria, mercoledì 20 dicembre alle 20.30, interpretato da un duo di voci dell’opera: Paola Isabella Lopopolo, soprano e Marco Tognozzi, baritono.
Il perdurare del successo dell’opera lirica è dovuto anche alla sua capacità di dare voce ed emozione ai molteplici e variegati sentimenti che insieme disegnano la natura umana, come l’amore, la passione, l’amicizia, la gioia, il dolore, il tradimento, la rivalità, nel gioco permanente dell’alternarsi di serietà e allegria. “Comicità e bizzarrie” porta alla ribalta compositori e temi celebri dell’opera coinvolgendo il pubblico attraverso l’ascolto e lo storytelling.
Paola Isabella Lopopolo è corista stabile del Teatro Regio di Torino, dopo aver collaborato con prestigiose orchestre italiane e straniere, come il Teatro alla Scala di Milano o l’Orchestra di Salisburgo. Marco Tognozzi dal 1995 è artista stabile del coro del Teatro Regio di Torino, con il quale ha partecipato a tournée a Colonia, Parigi, Nizza, Lione, Tokyo, Shangai, Madrid, Wiesbaden, Chicago, Toronto, New York, Detroit, Hong Kong. Andrea Turchetto svolge da oltre 15 anni un’intensa attività concertistica, dopo il diploma in pianoforte e composizione al Conservatorio di Torino, soprattutto come accompagnatore di cantanti lirici, collaborando con Katia Ricciarelli, Giuseppe Taddei, Ambrogio Maestri, ecc…

Formazione

Paola Isabella Lopopolo, soprano
Marco Tognozzi, baritono e direttore artistico
Andrea Turchetto, maestro accompagnatore (al pianoforte)
Marco Tognozzi e Anna Galletti, storytelling

Programma

Donizetti – Udite o Rustici (Elisir d’Amore)
Mascagni – M’ama, non m’ama
A. Mozart – Non più andrai farfallone amoroso (Nozze di Figaro)
Delibes – Les filles de Cadix
Rossini – Largo al Factotum (Barbiere di Siviglia)
Hoffenbach – Ah quel dinner (La Pericole)
Lehar – Tace il labbro (Vedova allegra)
A. Mozart – Là ci darem la mano (Don Giovanni)
Gershwin – Bess, you is my woman now (Porgy and Bess)

Menù

Aperitivo di benvenuto con stuzzichini
Pesce spada al melograno con riso basmati alla cantonese
Fetta di panettone con zabaione

Costo: 30 euro

Vini in abbinamento selezionati dal sommelier, acqua e caffè

Dopo le 22 si potrà partecipare al concerto con una degustazione al prezzo di 12 euro (un calice di vino accompagnato da stuzzichini o dolce). In questo caso non è assicurata la possibilità di sedersi a un tavolo nella sala del concerto.

Untitled design (30)

Archivi

Categorie

I cru di Barolo nel jazz

I cru di Barolo nel jazz

La storica formazione di jazz-rock Esagono ha elaborato un album “Wine Notes” di brani originali ispirati ai “cru” – le vigne migliori – del Barolo. Un vino regale che viene spremuto da uve nebbiolo coltivate in 11 comuni del Piemonte.

L’Osteria Rabezzana, in collaborazione con il Consorzio Piemonte Jazz e la condotta Slow Food Torino Città, propone giovedì 14 dicembre una serata dedicata proprio ai cru di Barolo, con una degustazione guidata di 5 bottiglie di Barolo alle 19; una cena con un menù elaborato dallo chef Piero Pulli in abbinamento a tre vini Rabezzana e, per finire, il concerto jazz con il quartetto Esagono, alle 22.

Gli Esagono sono stati fondati nel 1976, anno di uscita dell’album “Vicolo” per la Mu Records, ma è solo nel 2006, trent’anni dopo, che riprendono vita con la pubblicazione di “Apocalypso” e le tournée a Tokyo e in festival e club jazz sparsi in tutta Europa. La formazione più recente prevede, a fianco degli storici fondatori Marco Cimino (tastiere, flauto e voce) e Giorgio Diaferia (batteria), Andrea Manzo al contrabbasso, Diego Mascherpa ai sax tenore e soprano e Laura Evangelista, vocalist.

 

Degustazione guidata delle 19
Un piatto con salsiccia di Bra, salame crudo, vitello tonnato, muscolo in salsa verde, insalata di carne cruda, Bra morbido, crudité di verdure
Degustazione di 5 Baroli di: Elio Altare, Franco Conterno, Sergio Molino, Giovanni Rosso, Paolo Scavino
Costo: 15 euro soci Slow Food, 20 euro non soci

Cena (incluso concerto jazz) delle 20.30
Menù:
Aperitivo di benvenuto con stuzzichini, abbinato a Spumante Brut Rabezzana
Brasato al Nebbiolo su crostone di riso croccante ai porri e curcuma, abbinato a Langhe Nebbiolo 2016 Rabezzana
Mousse al fondente in salsa vaniglia e croccante di mandorle, abbinato a Moscato Rabezzana
Acqua e caffè
Costo: 25 euro soci Slow Food, 30 euro non soci

Ingresso solo concerto, dalle ore 22
Un calice di Langhe Nebbiolo 2016 Rabezzana accompagnato da stuzzichini o dolce
Costo: 10 euro soci Slow Food, 12 euro non soci

i cru di barolo nel jazz (1)

Archivi

Categorie

L’arte della griglia con Joe Burnam

L’arte della griglia con Joe Burnam

In Texas la griglia è un’arte. Nell’Hill Country – il Texas centrale rinomato per il suo particolare stile di barbecue – la tecnica di cottura viene chiamata “low and slow” perché la carne viene cotta lentamente e a bassa temperatura e al tempo stesso affumicata col legno.
Lo sa bene Joe Burnam, il primo trombone dell’Orchestra Sinfonica della Rai e texano doc, che in Osteria, mercoledì 6 dicembre, guiderà alla scoperta di questa grande arte presentando il menù e suonando con i “Rhythm and Bones” i brani legati alla tradizione dei locali “Barbecue and Blues” ancora attivi nel sudovest degli Stati Uniti. Oltre a questo repertorio verranno eseguiti i brani del grande trombettista Dizzy Gillespie per il 100° anniversario della sua nascita.
Burnam ha iniziato a studiare trombone a Houston e a Dallas con Joe Dixon e più tardi all’Indiana University con Keith Brown e Lewis Van Haney. Dal 1983 occupa il primo posto di trombone nell’Orchestra Sinfonica nazionale della Rai, dove è stato numerose volte segnalato dalla critica. Si è esibito come solista in diverse occasioni ed è stato inoltre invitato a suonare con diverse formazioni, sia in Europa e sia negli Stati Uniti.

Menù

Red beans and rice (fagioli rossi e riso)
Pecan smoked beef (manzo affumicato con legno di pecan)
Apple smoked turkey (tacchino affumicato con legno di melo)
Baked potato (patate al forno)
Corn Bread Muffins (muffin di pane di mais)
Frittelle di mele in salsa cannella

Costo: 30 euro
Vini in abbinamento selezionati dal sommelier, acqua e caffè

Dopo le 22 si potrà partecipare al concerto con una degustazione al prezzo di 12 euro (un calice di vino accompagnato da stuzzichini o dolce). In questo caso non è assicurata la possibilità di sedersi a un tavolo nella sala del concerto.

Rhythm and Bones – Formazione

Joe Burnam, Gianfranco Marchesi, tromboni
Marco Parodi, chitarra
Silvio Albesiano, basso
Luca Rigazio, batteria

locandina

Archivi

Categorie

L’Opera in Osteria

L’Opera in Osteria

“Grandi amici, grandi rivali”: uno dei grandi temi della lirica esce dal teatro ed entra in Osteria, mercoledì 29 novembre alle 20.30, interpretato da un quartetto di voci dell’opera (Eugenia Braynova, soprano; Rossana Gariboldi, mezzosoprano; Alejandro Escobar, tenore; Marco Tognozzi, baritono) del coro del Teatro Regio di Torino.
Il perdurare del successo dell’opera lirica è dovuto anche alla sua capacità di dare voce ed emozione ai molteplici e variegati sentimenti che insieme disegnano la natura umana, come l’amore, la passione, l’amicizia, la rivalità, la gioia, il dolore, il tradimento, la rivalità, nel gioco permanente dell’alternarsi di serietà e allegria. “Grandi amici, grandi rivali” è il primo di una serie di incontri che porterà alla ribalta personaggi, compositori e temi celebri dell’opera coinvolgendo il pubblico attraverso l’ascolto e lo storytelling.
Eugenia Braynova, nata a Sofia, inizia giovanissima lo studio della musica, entrando a far parte del coro dei bambini della Radio Nazionale della Bulgaria. Dal 2010 è artista stabile del coro del Teatro Regio di Torino. Rossana Gariboldi dal 1991 è artista del coro stabile presso il Teatro Regio di Torino in qualità di mezzosoprano. Nell’ambito delle attività denominate “Regio Itinerante” è stata solista in formazioni cameristiche nell’ambito di diverse stagioni concertistiche del Teatro Regio. Alejandro Escobar è uno degli interpreti più interessanti del panorama lirico internazionale. Vincitore di importanti competizioni internazionali, grazie alle sue qualità vocali, si è rivelato un ottimo interprete del repertorio dell’800 italiano. Marco Tognozzi dal 1995 è artista stabile del coro del Teatro Regio di Torino, con il quale ha partecipato a tournée a Colonia, Parigi, Nizza, Lione, Tokyo, Shangai, Madrid, Wiesbaden, Chicago, Toronto, New York, Detroit, Hong Kong, ecc…

Formazione
Eugenia Braynova, soprano
Rossana Gariboldi, mezzosoprano
Alejandro Escobar, tenore
Marco Tognozzi, baritono
Francesco Cavaliere, pianoforte
Marco Tognozzi, direzione artistica
Marco Tognozzi e Anna Galletti, storytelling

Programma
Rossini – Duetto tenore-baritono, “All’idea di quel metallo” (Barbiere di Siviglia)
A. Mozart – Duetto soprano-mezzosoprano, “Che soave zeffiretto” (Nozze di Figaro)
Verdi – Duetto soprano-mezzosoprano, “Fu la sorte dell’armi a tuoi funesta” (Aida)
Donizetti – Duetto tenore-baritono, “Voglio dire lo stupendo” (Elisir d’amore)
Verdi – Duetto tenore-baritono, “È lui! Desso! L’infante” (Don Carlo)
Donizetti – Duetto baritono-soprano, “Barcarola a due voci” (Elisir d’amore)
A. Mozart – Duetto soprano-mezzosoprano, “Via resti servita” (Nozze di Figaro)

Menù
Aperitivo di benvenuto con stuzzichini
Galletto nostrano alle erbe con timballo di patate
Semifreddo ai corn flakes in salsa di frutti di bosco

Costo: 30 euro
Vini in abbinamento selezionati dal sommelier, acqua e caffè
Dopo le 22 si potrà partecipare al concerto con una degustazione al prezzo di 12 euro (un calice di vino accompagnato da stuzzichini o dolce). In questo caso non è assicurata la possibilità di sedersi a un tavolo nella sala del concerto.

Archivi

Categorie

Pin It on Pinterest